Museo della Civiltà Romana

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > Percorsi per sale > Sezioni storiche > Sala XVIII: Plastico di Roma arcaica

Sala XVIII: Plastico di Roma arcaica

Museo della Civiltà Romana - Sala XVIII: Plastico di Roma arcaica

Sin dal 1994 il Museo della Civiltà Romana espone il plastico della topografia di Roma arcaica che testimonia lo stato della città dalla dominazione dei re Tarquini fino ai primi decenni della Repubblica.
Esso si basa su un'approfondita analisi dei dati scientifici e delle ultime scoperte in ambito archeologico, nonché sullo studio delle fonti storiche. L'esposizione del plastico di Roma arcaica è l'ideale elemento di confronto con il ben più noto plastico dell'età costantiniana, al fine di poter prendere visione dei cambiamenti urbanistici e paesaggistici che hanno interessato la città nel corso di vari secoli.
Realizzato in gesso, in scala 1:1000, riproduce l'intero agglomerato urbano di Roma, dedicando pari attenzione anche al circostante paesaggio naturale.
L'osservazione del plastico evidenzia come in antico i colli di Roma fossero molto scoscesi rispetto al loro stato attuale, mentre il corso del Tevere è quasi uguale a quello odierno, sovrastato dal solo Ponte Sublicio, a valle dell’Isola Tiberina.
Il plastico mette inoltre in risalto la spiccata disomogeneità spaziale dell’assetto urbanistico: accanto a spazi scarsamente edificati, sorgono aree densamente affollate di edifici, disposti secondo una distribuzione irregolare e di genere disparato, per es. le capanne primitive sul Palatino e le domus con atrio, appannaggio dei re e dell’aristocrazia. Si nota poi la cerchia delle Mura Serviane, e i templi svettanti sulle sommità dei colli: tra questi domina il Tempio dedicato a Giove Ottimo Massimo, Giunone e Minerva eretto sul Campidoglio. Tra le zone pianeggianti si notano il paludoso Campo Marzio, la Valle del Foro Romano, la Valle Murcia con il Circo Massimo, il Foro Boario con i templi dell’Area Sacra di Sant’Omobono.
Sul plastico inoltre sono delineate le strade, sia interne all’abitato che esterne, vale a dire le arterie di collegamento tra Roma e altre località.

Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994
Plastico
L. Quilici , 1994

torna al menu di accesso facilitato.